MEME 8 :]

venerdì 28 settembre 2007

Su invito di Viviana ecco il mio MEME
8 cose su di me... (le regole non le metto tanto lo avete già fatto tutti!)
1) Da piccola amavo cantare, in casa c'è un piccolo gong come soprammobile che io usavo come microfono esibendomi in versioni pop, dance (accompagnate da balli scatenati), cantavo anche in inglese e francese (naturalmente inventandomi le parole, solo la fonetica aveva un certo che...). Mio padre per assecondare questa mia passione, mi face incidere una cassetta, una cassetta audio tutta mia!!! Mia sorella Chiara fa da presentatrice ed io comincio esibendomi in tutto il repertorio delle canzoncine imparate all'asilo ("aggiungi un posto a tavola", "l'orologio della scuola", "per fare un albero..." ecc, ecc.) per poi creare in modo estemporaneo presa dall'ispirazione del momento un brano inedito con un testo decisamente surreale, che parla di un uomo che ha fame apre il frigo e mangia fino all'ultimo "bonciolino"... In famiglia è stata intitolata "E allora l'omo scendò" prendendo come titolo un pezzo del brano! E' un gran bel ricordo...
2) Ho conosciuto Gianluca nel lontano 1989, primo giorno delle superiori all'Istituto Statale d'Arte, facevamo il giro della sezione di grafica pubblicitaria per farci spiegare come funzionavano le classe, le materie di laboratorio... Esco da un'aula e lo vedo... Biondo, occhi verde/azzurri, un viso d'angelo, e mi stampo quella visione nel cuore. Eravamo in classi diverse, ma facevamo laboratorio insieme, ci siamo conosciuti e siamo diventati amici, buoni amici, grandi amici e per i tre anni successivi siamo rimasti solo amici... Io ero tremendamente gelosa delle ragazze di cui lui mi parlava (eravamo amici), ma in nome della nostra amicizia facevo finto di niente, stringevo i denti e facevo un gran sorriso... che patire!!!! Poi un giorno in quarta superiore, lui si decide, prende coraggio, mi chiede di uscire e... da allora è nato l'AMORE!!!!
3) Amo nuotare, mi piace immergermi nell'acqua e lasciarmi andare contando le bracciate, i respiri, lasciando che la mia mente vaghi per mille pensieri che si accavallano, si trattengano o spariscano subito... Mi rilassa il rumore dell'acqua il ripetersi dei movimenti che mi portano avanti e indietro, avanti e indietro, che mi trasportano in un'isola felice dove ci siamo solo io e l'acqua.
4) 11.01.1997. Questo è il giorno più brutto della mia vita, è il giorno in cui mio padre è morto... E' il giorno in cui è cominciato il dolore; all'inizio è stato acuto e lacerante, un dolore che toglie il respiro... Poi negli anni è diventato sordo e costante, è una sensazione che mi accompagna tutti i giorni è la testimonianza che mi manca qualcosa... Mi manca mio padre, mi manca terribilmente, mi manca in modo viscerale, mi manca la sua vitalità, mi manca il suo buon umore, mi manca la sua ironia... Mi manca l'uomo splendido che era, mi manca... Appena ho potuto gli ho fatto un regalo, ho chiamato mio figlio con il suo nome... Andrea.
5) 08.09.2002 un'altra data, il giorno del mio matrimonio con Gianluca, un giorno bellissimo! Siamo entrati insieme mano nella mano, mi ricordo il sorriso che avevo sulle labbra, la gioia che mi riempiva il cuore. C'era tanta gente, i parenti e gli amici, ma io vedevo solo lui sentivo solo lui...
6) Non sopporto le persone che per sentirsi migliori denigrano le altre, che sminuiscono le capacità altrui per rendere se stessi più interessanti. Se vuoi dimostrare qualcosa lo devi fare con le tue capacità, dimostrando quello che sai fare tu al di là di quello che sanno fare gli altri.
7) Mi piacciono le persone sincere e coerenti! Mi piace che mi si dica quello che realmente si pensa, quello che realmente si è in grado di fare o semplicemente si ha voglia di fare. Non mi piace chi dice una cosa e poi in realtà ne pensa un'altra, forse perché io credo a quello che mi si dice e se poi capisco che non era realmente così, ci rimango tanto ma tanto male!
8) Mi piacerebbe piacermi di più... Avere più fiducia in me stessa, essere meno spaventata dai cambiamenti, essere più sicura di quello che penso e che sento. Mi metto sempre in discussione, anche se poi, quando mi analizzo a fondo quello che trovo non è poi così male... Dovrei solo ricordarmelo di più. 

6 commenti:

Alex e Mari ha detto...

Mi hai molto commossa con il tuo meme. Ho perso mio padre l'anno scorso- troppo presto, troppo giovane lui, probabilmente anche il tuo. Si impara a convivere con il dolore, ma in alcuni momenti torna forte, acuto, lancinante. Splendido il regalo che hai potuto fargli. Un abbraccio, Alex

giulia ha detto...

@Alex
Mhm... Mi hai fatto venire le lacrime agli occhi...
Mi spiace per tuo padre; si anche il mio era giovane, ero troppo giovane anch'io, era troppo presto... Credo sia sempre troppo presto quando si perde qualcuno che si ama. Dare il suo nome a mio figlio, è stato un modo per tenerlo vicino a me sperando che ci sia qualcosa di lui in Andrea. Un bacio grande e grazie...

Viviana ha detto...

Giulia, grazie per aver risposto al mio invito, e grazie davvero per aver condiviso tutte queste meraviglie che hai nel cuore!
un abbraccio stretto stretto!

giulia ha detto...

@Viviana
non potevo rifiutare l'invito di una persona così dolce!
Grazie... per le meraviglie...
Un bacione

Saretta ha detto...

Che dirti Giulia.....
che sei dolce.. naaa.. banale, ormai tutti lo hanno capito.... che sei una persona splendida,speciale e che ama la vita con tutti i suoi dolori e con tutte le sue goie,no no, anche questo penso che sia scontato... io posso solo dirti che sono fortunata a conoscerti di persona!!
un abbraccio forte....
Sara.

giulia ha detto...

@Sara
... Sei sempre troppo carina!!!! Grazie, dal canto mio posso dire che anche tu sei una bellissima persona, sensibile, attenta, gentile e tantissime altre mille qualità! Sono contenta di conoscerti davvero, molto contenta! un mega bacio!!!!

 
Schegge di me... - by Templates para novo blogger