piccoli ragionamenti...

martedì 23 giugno 2009

L'altra sera eravamo in macchina, stavamo tornando a casa dopo una serata a casa di amici, Gianluca guidava io ero dietro accanto ad Andrea che aveva voglia di coccole.
Parlando della serata dico a Gianluca "... M'hai messo in imbarazzo prima (sorriso) sei sempre il solito!..." Continuiamo a chiacchierare e ad un certo punto Andrea mi fa: "Mamma! Se babbo fa il birbone ti salvo io!" Un po' stupida gli chiedo: "Da cosa mi salvi tesoro?" "Dall'imbarazzo (parola detta a modo suo, ma comprensibile...) ti salvo io! E' lungo? Perché se è lungo ti lego e ti tiro fuori!" Sono scoppiata a ridere!!! Baciandolo e ringraziandolo per il suo coraggio!!!
Delle volte sembra che si faccia i fatti suoi senza prestarci attenzione e poi invece, se ne esce con un ragionamento così! Mi stupisco ogni volta che mi rendo conto di come ragiona, di come elabora tutto ciò che sente e che lo circonda, mi stupisco perché delle volte mi sembra così grande, mi sembra che cresca in fretta poi se ci penso è solo 3 anni e mezzo che è a questo mondo... Amo vederlo crescere, ragionare, pensare... E mi fa sorridere, un sorriso che si allarga sul mio viso così d'istinto in ogni momento che penso a lui.

Meloncini a sorpresa

mercoledì 17 giugno 2009

Finalmente mangio a casa! Finalmente ho avuto il tempo di provare qualcosa di nuovo! Mi sono buttata su qualcosa di fresco e mooolto estivo!!! E poi non è estremamente carino?!? Anche questa meraviglia viene dal mitico libro light!!!
Meloncini a sorpresa:
(ingredienti per 4 persone)
2 piccoli meloni
80 g di prosciutto crudi sgrassato
50 g di rucola
2 cucchiai di olio e.v.o.
mezzo limone
2 ciuffi di menta
sale e pepe

Tagliate i meloni a metà, eliminate i semi e con l'apposito scavino ricavate dalla polpa tante palline (io ho usato lo scavino per le patate, ho ottenuto delle mezze sfere), quindi livellate con un coltello la parete dei meloni. Tagliate il prosciutto a striscioline. Lavate la rucola, asciugatele e spezzettatela. Mescolate in una terrina le palline di melone, il prosciutto e la rucola. Mescolate in una ciotola l'olio con un pizzico di sale e pepe, il succo di limone e la menta spezzettata, versate la vinaigrette insieme agli altri ingredienti, mescolate delicatamente e con il mix ottenuto riempite i mezzi meloni, guarnite, a piacere, con un ciuffetto di menta e servite.
nota: il melone è rinfrescante, diuretico e ricco di vitamina C, di betacarotene, una provitamina che protegge la salute del cuore, e di glutadione, una sostanza che aiuta a migliorare la qualità della vita perché rinforza le difese immunitarie. Il prosciutto crudo aggiunge gusto e sapore al piatto: togliendo il grasso si risparmiano 70 calorie per ogni 100 g.

Un piatto saporito, fresco, veloce... In giornate calde come questa che c'è di meglio?
*_______*

La mia prima marmellata e... premi+meme!

martedì 9 giugno 2009

La marmellata di more di gelsi ha fatto scattare il mio cervello alla ricerca di quello che non andava, è venuta buona, questo si, ma... Troppo dura, caramellata... Quindi ho cominciato la mia ricerca sui vostri blog... Ma quanto siete brave? ^________^ Alla fine ho scelto di seguire il consiglio di Alex, perché l'uso del "Fruttapec" riduce molto i tempi e per me che sono sempre di corsa faceva comodo e poi perché se lo usa lei che è una cuoca dell'altro mondo che crea solo meraviglie, lo posso fare anch'io nelle mie piccole schegge in cucina!!! Mi scuso con i puristi, ma le scorciatoie mi sono sempre piaciute!!!! ;P

Marmellata di fragole:
(per due vasetti da 250 ml e 3 da 150 ml)
1 kg di fragole fresche (peso da pulite)
500 g di zucchero
1 bustina di Fruttapec 2:1

Lavare e tagliare le fragole in pezzi piccoli e metterle in una pentola dai bordi alti. Mescolare la bustina di Fruttapec 2:1 con lo zucchero ed aggiungerlo a freddo alla frutta. Mettere sul fuoco a fiamma vivace e portare ad ebollizione. Da quando l'ebollizione e bella forte calcolare 3 minuti di cottura mescolando sempre. Togliere dal fuoco e mescolare un minuto facendo dissolvere la schiuma. Fare la prova del piattino per valutarne la consistenza, se va bene, versare la marmellata ancora calda nei vasetti precedentemente lavati, asciugati e sterilizzati in forno caldo a 180° per 15/20 minuti. Chiudere e capovolgerli fino al totale raffreddamento.
Un vasetto l'ho messo in frigo per poter subito sperimentarne il sapore, mentre gli altri li ho bolliti in abbondante acqua per una mezz'oretta in modo da attivare il sottovuoto.

Risultato: MAMMA CHE BUONA!!!!! Chissà che coccole l'inverno prossimo... :)

Ed ora passiamo ai premi:
Per tutti e due devo ringraziare Tittina, sempre gentile e premurosa con me!

Bambi
Susanna Tamaro premio amicizia
e sempre da lei un simpatico giochino
"7 cose che mi caratterizzano"
1. curiosa
2. permalosa
3. socievole
4. spiritosa
5. troppo golosa
6. cocciuta
7. disponibile

Crostata con marmellata di more di gelso

giovedì 4 giugno 2009

Sogno un giardino grande... Sogno un giardino grande abbastanza da poter avere un albero di gelso... Sogno un giardino grande con un albero di gelso da cui poter cogliere le sue favolose, gustose, dolci more!!! Finché il sogno non si potrà avverare mi accontento di "trafugare" le more dai gelsi del giardinetto pubblico sotto casa. Era un po' di giorni che avevo voglia di fare una torta, qualcosa di dolce, con una base di frolla, era un po' di giorni che guardavo gli alberi di gelso stracarichi di more... Ieri mattina ho coinvolto mamma in un furto!!! Nonostante l'ostacolo altezza, noi poco alte, le more mooolto in alto, siamo riuscite a coglierne un bel po', una volta pulite e lavate ben 400 g di more!!!! ;)

Crostata con marmellata di more di gelso:
(per una tortiera da 24 cm)
per la pasta frolla:
300 g di farina 00
150 g di burro morbido
150 g di zucchero
2 tuorli
1 uovo
un pizzico di sale
per la marmellata:
400 g di more di gelso
400 g di zucchero

Ho iniziato preparando la pasta frolla. In una ciotola capiente mescolate la farina con lo zucchero, unite il sale ed il burro a pezzetti, aggiungete le uova leggermente sbattute e mescolate. Formate un panetto e dopo averlo ricoperto con la pellicola trasparente mettetelo a riposare in frigo per almeno un'ora.
Non ho mai preparato marmellate, quindi in modo molto semplice ho messo le more e lo stesso peso di zucchero in una pentola dai bordi alti e ho fatto cuocere a fuoco basso per circa un'ora, mescolando spesso con un cucchiaio di legno.
(Alle 14 entravo a lavoro quindi non ho potuto fare subito la crostata, ho rimandato tutto al dopo cena, quindi la pasta frolla è rimasta in frigo molto più di un'ora e la marmellata si è raffreddata molto bene). Riammorbidite al pasta frolla lavorandola con le mani sul piano da lavoro infarinato, prelevatene un terzo abbondante e spianatelo con il mattarello fino ad avere un disco di circa 1 cm di spessore. In una tortiera foderata di carta forno bagnata e strizzata adagiare il disco rinforzando lo spessore del bordo, stendete uno strato abbondante di marmellata e completate con le classiche strisce di pasta. Cuocere in forno già caldo a 180° per circa 35-40 minuti, sfornare una volta raffreddata.

Le more di gelso mi piacciono molto (mica s'era capito vero?) mangiate così al naturale, ogni volta che passo sotto gli alberi la mia mano automaticamente si alza e raccoglie!!! La versione marmellata mi ha soddisfatto molto, è venuta fuori una vera bomba, la crostata credo abbia un peso specifico superiore al piombo!!! Forse ho esagerato un po' con lo strato di marmellata, ma era talmente densa... Il commento di Gianluca è stato: "Veramente buona! Brava!" E lo sapete no, che questa è una grande garanzia!!!! *_______*

 
Schegge di me... - by Templates para novo blogger