Involtino classico

giovedì 28 febbraio 2008

Ultimamente ho la fissa degli involtini... Dopo quelli di pollo e la volta dell'involtino classico, almeno in casa mia, di manzo frittata e mortadella, che mi fa tornare bambina :)!
Involtini di manzo, con frittata e mortadella:
(per quattro involtini)
4 braciole di manzo tagliate sottili (il mio macellaio le ha tagliate a macchina)
4 fette di mortadella
4 uova
latte
timo
maggiorana
olio d'oliva
sale pepe


Preparare quattro frittatine utilizzando per ognuna un uovo, un po' di latte, qualche foglia di timo e maggiorana (si può utilizzare anche del semplice prezzemolo sminuzzato), lasciarle raffreddare qualche minuto.
Su ogni fetta di carne stendere una fetta di mortadella ed una frittatina, arrotolare e fermare con uno stuzzicadenti.
Prendere una padella antiaderente e far rosolare gli involtini, quando sono diventati belli bianchi, aggiungere un filo d'olio e un poco di acqua, salare, pepare e farli cuocere coperti per 20/30 minuti al massimo.
Io gli ho serviti accompagnati da carote stufate.

Se penso all'involtino di carne automaticamente mi viene in mente questa ricetta :), la mia mamma l'ha sempre fatta fin da quando ero piccola. Si può fare sia come involtini mono porzione, oppure utilizzando una braciola grande aperta  a libro come involtino unico, che poi viene servito tagliato a rotelle, mi ricordo come da piccola cercassi sempre le fette con più frittata!!! Siccome mio figlio in questo non assomiglia a me, è un modo per fargli mangiare la frittata, che cuocendo insieme alla carne acquista un gusto delicato :).


Risotto spinaci+bietole

sabato 23 febbraio 2008

Avevo provato qualche ricetta nuova, ma non ho avuto ottimi risultati... Quindi mi butto su un classico :)
Risotto spinaci e bietola:
300 g di riso (tipo Roma)
spinaci e bietole lesse
mezzo bicchiere di vino bianco
mezzo litro di brodo vegetale
olio d'oliva
sale pepe

Ho fatto insaporire le verdure lesse con un po' di olio e uno spicchio d'aglio. Eliminato l'aglio, ho fatto tostare il riso, quando è diventato bello traslucido ho unito mezzo bicchiere di vino bianco e l'ho fatto evaporare. Ho aggiunto il brodo, fatto velocemente con un dado vegetale, ho mescolato il tutto per amalgamare bene gli ingredienti e ho chiuso la pentola a pressione calcolando dal fischio 7 minuti di cottura. A cottura terminata ho fatto evaporare il vapore ed ho servito con un filo d'olio a crudo.

Come già dicevo qui, da quando ho scoperto la pentola a pressione il risotto è diventato un piatto salvezza!!! Se non ho preparato niente ci facciamo un bel risotto che riempie ed è un modo sicuro per "rifilare" le verdure ad Andrea :).

Comunque gli esperimenti continuano e spero di postare qualcosa nei prossimi giorni!!! ;P

6 cose :)

martedì 19 febbraio 2008

Su invito di Cookie mi butto in questo nuovo meme! Vi racconto 6 cose che mi piace fare, eccole:

1. Mi piacciono i film "lacrimosi", quelli dove si racconta di sentimenti, di famiglie, d'amori, d'amicizia. Mi accoccolo sul divano e mi appassiono, mi lascio prendere dalla storia e... piango!!! Gianluca (che non ama il genere) si sporge mi guarda e sorridendo mi dice: "Stai già piangendo?" io lo zittisco e continuo!!!
2. Adoro dormire fino a tardi! Quando vivevo ancora con la  mia mamma capitava che mi alzassi giusto per andare a pranzo... Ora me lo sogno :)!!! Primo perché Gianluca quando si sveglia dopo un po' si rompe di stare a letto e quindi ci dobbiamo alzare, e secondo perché con Andrea non è proprio possibile, si, ci viene nel lettone ma è un martirio per me non  mi molla il gomito neanche per un secondo e provateci voi a dormire con uno che ha la fissa di toccare i gomiti e non si risparmi neanche un attimo ;P!!!
3. Mi piace cucinare. Mi è sempre piaciuto, ma in modo "serio" mi ci sto impegnando da non molto tempo, praticamente dall'apertura del blog! Trovo entusiasmante creare qualcosa di buono e se riesco pure a farlo bello, raggiungo l'apoteosi :) anche perché se riesce bene ci scappa un complimento anche da Gianluca, grande evento!!!!
4. Adoro ricamare, so fare solo il punto croce e mi butto sempre in progetti lunghi!!! Al momento sto facendo un copripiumino per il lettino di Andrea, con delle api giganti e tanti cuoricini!!! Non è ancora finito anche se mi manca poco ;) prima o poi riuscirò a terminarlo!!!
5. Amo fare passeggiate con i miei due uomini, andare al parco vicino a casa, camminare, guardare i fagiani, i leprotti e gli immancabili cavalli!!! Mi piace stare all'aria aperta, anche in queste giornate fredde, ma con un gran cielo limpido :)
6. Amo mio figlio... Mi piace rendermi conto che sta crescendo, che sta conquistando il suo posto in questo mondo! Mi piace quando vuole che mi svegli e mi chiama con la sua vocetta: "mamma, mamma... ecco sveglia!" a lui basta vedere una fessura degli occhi e pensa che sia già sveglia (MAGARI). Mi incanto nel vederlo giocare con gli altri bimbi, nel vedere che si butta a capofitto in un gioco divertendosi come un matto. Amo cercare le somiglianze, questo l'ha preso da me, questo da Gianluca, rendermi conto che è un gran miscuglio dei nostri pregi, ma anche dei nostri difetti, che dal nostro amore è nato lui, così meravigliosamente complicato!

mmmh... chissà se Viviana, Alex, Claudia, Cannelle, Stefania, Giovanna e Pippi hanno voglia di farlo, sempre che non l'abbiano già fatto!!!

Cacciucco per San Valentino

venerdì 15 febbraio 2008

L'altro giorno ho chiesto a Gianluca se per San Valentino aveva voglia di mangiare qualcosa in particolare, mi ha risposto: "Cacciucco!!!", e quindi cacciucco è stato. Ho preso la ricetta della mia mamma, e mi sono procurata tutto l'occorrente :).
Cacciucco alla livornese:
(dosi per 6 persone, io ho dimezzato la dose del pesce)
3 kg di pesce di cui: 2 kg tra polpo, seppie, totani e palombo e 500 g di code di gambero)
1 cipolla
1 spicchio d'aglio
un po' di prezzemolo
1 peperoncino
mezzo bicchiere d'olio extra vergine d'oliva
mezzo bicchiere di vino bianco
500 g di pelati o passata
sale

Fare un trito con la cipolla, l'aglio, il prezzemolo ed il peperoncino (io ho usato quello in polvere), mettere tutto in una casseruola capiente con il mezzo bicchiere di olio. Appena la cipolla è rosolata mettere il polpo e le seppie, puliti e tagliati a pezzi. Quando sono ben rosolati aggiungere il vino bianco e farlo evaporare. Aggiungere quindi i pomodori, io ho usata la passata fatta da mia suocera quest'estate :), un po' di sale e far cuocere per un quarto d'ora, aggiungendo acqua in modo da ottenere il brodo. Passato il quarto d'ora aggiungere i totani e dopo 5 minuti il palombo, anche questi naturalmente puliti e tagliati a striscioline, e far cuocere per altri 25/30 minuti. A 10 minuti dalla fine della cottura aggiungere i gamberi. Controllate di sale e servite caldo su un letto di pane abbrustolito.
Già dimenticavo il pane!!! Tagliate delle fette di pane, meglio se raffermo e abbrustolitele, la meglio sarebbe su una bella griglia sul fuoco, ma va bene anche in forno, basta che siano croccanti ;P!

Visto che festeggiavamo San Valentino ho fatto una schiacciata alla fiorentina a forma di cuore, tanto per rimanere in tema :), l'aspetto è carino, il sapore... insomma, quindi la ricetta al prossimo esperimento sempre che mi soddisfi il risultato!!! Il regalo? Gianluca mi ha regalato due libri di cucina... Stai a vedere che si è appassionato pure lui!!!
(La foto la metto :) anche perché la tortiera a forma di cuore è stato il primo acquisto come dipendente ikea!!!)

Involtini di pollo

giovedì 14 febbraio 2008


Involtini di pollo ai carciofi e pomodorini:
(per 4 persone, ma anche meno)
500 g di petto di pollo
4 carciofi freschi
6 pomodorini secchi
4 scalogni
4 cucchiai di olio extra vergine d'oliva
1 rametto di rosmarino
3-4 gocce di aceto balsamico
sale e pepe

Scottate i carciofi in abbondante acqua bollente, 5-6 minuti dovrebbero essere sufficienti. Una volta scottati riduceteli a spicchietti. Sbucciate gli scalogni e riducete anche questi a spicchi. Tagliate i petti di pollo a fettine, appoggiatevi sopra un foglio di carta da forno (perché non si straccino) e spianatele con il batticarne.
Distribuite al centro di ogni fettina i pomodorini secchi e qualche spicchio di carciofo, arrotolatele formando degli involtini fissandoli con uno stecchino (nei miei mi sono entrati giusto un pomodorino ed uno spicchio di carciofo).
Scaldate l'olio in una padella con il rosmarino e fatevi rosolare per 2 minuti gli scalogni. Unite gli involtini preparati, girateli con un cucchiaio di legno finché saranno dorati, poi mettete sopra un coperchio e lasciateli cuocere a fiamma media per 10 minuti unendo, se il sugo si asciuga troppo, qualche cucchiaio d'acqua; alla fine togliete il coperchio e fate restringere il fondo di cottura. Salate, pepate, profumate con qualche goccia d'aceto balsamico e servite.

Un'altra ricettina dal mio libro di ricette light, mi è piaciuta mooooltissimo, e un dato a suo favore è che è piaciuta molto anche a Gianluca e pure Andrea l'ha mangiati, scartando i pomodorini ed il carciofo, ma il sapore c'era lo stesso :)
Quindi senza riserve ve la consiglio, provatela, vi piacerà!!!!

Et voilà!!!

lunedì 11 febbraio 2008

In Questo post, dove salutavo il 2007, ho parlato della decisione di rimettermi in gioco dopo 10 anni passati a lavorare nella mia (ex) ditta... Dell'angoscia per arrivare ad una decisione, che cambiava drasticamente la mia vita, ma anche dell'amore della mia famiglia che mi ha aiutato a fare la scelta giusta... Ho sparpagliato curriculum a destra e a sinistra, candidandomi per qualsiasi lavoro mi venisse in mente. Non avevo un'idea precisa, mi sarei adattata a qualsiasi cosa, purché l'ambiente e soprattutto le persone con cui lavorare fossero state carine e disponibili; dopo anni in cui mi sono dovuta guardare le spalle proprio da coloro con cui avevo degli interessi economici in comune, per me è diventata una priorità stare bene, andare volentieri sul posto di lavoro, non dover stare ad angosciarmi per questioni assurde!!!
Grazie al lavoro nel periodo di Natale presso un negozio di giocattoli in un famoso centro commerciale, che nonostante sia durato solo un mese e mezzo mi ha fortemente formata, valendo per almeno 6 mesi d'esperienza in qualsiasi altro posto e periodo (avete tutti presente quanta gente si muove nel periodo natalizio per fare acquisti, immaginate poi in un negozio di giocattoli, dove i genitori cercano l'oggetto desiderato dai figli, che il più delle volte è pure finito e vengono colti da sconforto e in alcuni casi da panico puro!!!!). Insomma dicevo, grazie a questa "piccola" esperienza sono stata assunta... All'Ikea :). Solo per 6 mesi, ma non si può mai sapere, da cosa può nascere cosa!!!!
Quindi se vi capita di passare dall'ikea di Sesto fiorentino, potreste trovare al reparto tutti bimbi questa splendida adetta alle vendite:
Non sono un amore in giallo e blu? ;P

Sandwich di patate

venerdì 8 febbraio 2008


Sandwich di patate alla scamorza:
(per 4 persone)
4 grosse patate
200 g di scamorza affumicata
4 fettine di prosciutto crudo
1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
sale e pepe

Lavate le patate, mettetele in una casseruola, copritele con acqua salata e lessatele per 35/40 minuti, fate comunque la prova dello stecchino. Scolatele, fatele intiepidire, poi sbucciatele e lasciatele raffreddare; tagliatele in 3 parti per il lato lungo, appoggiate sulla prima fetta di ogni patata una fettina di scamorza, continuate con la seconda fetta di patata, mettete altre 2 fettine di scamorza e terminate con l'ultima fetta di patata. Salate, pepate e avvolgete ogni patata in una fettina di prosciutto crudo, fissando il tutto con uno stecchino. Sistemate i sandwich di patate in una pirofila unta con il cucchiaio d'olio, passatele quindi in forno già caldo a 220° per circa 15 minuti, finché il formaggio sarà leggermente ammorbidito ed il prosciutto croccante. Sfornate e servite subito.

L'altro giorno ero in libreria, curiosando tra i libri di cucina ho trovato un libretto della serie "Oggi cucino io" con 400 ricette light; sottotitolo: "400 piatti leggeri e saporiti per mantenersi in forma". Scettica mi metto a sfogliare le pagine e... Mmh, mica male, qualcuna è davvero gustosa... Continuo a sfogliare e... Ok, mi sono convinta e l'ho comprato :).
Magari è un modo non troppo pesante per tenere a bada la mia linea, ora come ora di mettermi a stecchetto non ne ho nessuna voglia, e se manca quella non c'è niente da fare, sarebbe un disastro!!!
Torno a casa e curiosando tra frigo e dispensa trovo il necessario per questi sandwich di patata, che a essere sinceri tanto light non mi sono sembrati, ma se lo dice il libro.... La ricetta consiglia di usare 4 patate grosse,  le trovo appropriate se si vogliono mangiare come un secondo piatto, mentre per usarle come contorno secondo me sarebbe meglio usarle un po' più piccole, perché vi assicuro che riempiano parecchio ;P.
Altro parere discordante tra me e Gianluca (dopo il pane), io che non amo molto l'affumicato avrei sostituito con la scamorza bianca, lui no, ma che ci volete fare per noi non vale chi si assomiglia si piglia, specialmente in fatto di sapori :).
Stasera proverò un primo ed un secondo di carne, nei prossimi giorni vi farò sapere!!!

Zorro & C.

mercoledì 6 febbraio 2008

Martedì grasso :)! Andrea per l'occasione si è trasformato in... ZORRO!!!!!! O meglio come dice lui ZOCCO!!! E' rimasto più che altro entusiasta della spada, che brandiva ad ogni occasione, sfoderando uno sguardo cupo con cui sfidava a duellare chiunque vedesse con un'altra spada, in queste foto no, ma eravamo appena arrivati e stava studiando la situazione... Poi ha deciso di andare su e giù per lo scivolo, senza rinunciare a nessun pezzo del costume!!! Quest'anno ho deciso io per lui come vestirsi, per fortuna gli è piaciuto ;P, ma penso che già dal prossimo anno dovrò assecondare la moda del momento, alla festa c'era un gran numero di power ranger rossi, uomini ragno sia rossi che neri, qualche batman, altre maschere non ben riconoscibili ed un gran numero di principesse in rosa, compresa Lucrezia mia nipote!!!
Come sempre a carnevale c'era una miriade di coriandoli, e come vuole la tradizione ce li siamo ritrovati ovunque, anche nei posti più impensabili :D, fili e fili di stelle filanti e quegli spray colorati un po' gommosi che ti ritrovi appiccicati a dosso spruzzati a metri di distanza! E' stata una bella festa, Andrea non si è fermato un attimo andando dentro e fuori dalla stanza, cercando i bambini più grandi con cui giocare a pallone o per duellare, non riscuotendo molto successo a dire la verità, ma lui non si scoraggia facilmente, infatti alla fine qualcuno più comprensivo un po' ci si perdeva :). 
A fine serata eravamo tutti cotti, specialmente io e Chiara!!! Ma per far divertire i nostri cuccioli ci si sacrifica volentieri :D. Ecco l'unica foto in cui sono riuscita al volo a riprenderli tutti e tre insieme!!!

Gnocchi verdi

venerdì 1 febbraio 2008

Gnocchi di ricotta e spinaci:
200 g di ricotta
1 uovo
120 g di farina 00
1 pizzico di sale
noce moscata
spinaci
panna da cucina
pepe

Questa la possiamo definire una variazione sul tema, mi sono ispirata agli gnocchi di ricotta di Isabilla, proposti anche da Alex in versione rosa, aggiungendo però un avanzo di spinaci, troppo pochi da riproporre come contorno e pensa e ripensa... idea :) li metto negli gnocchi e un po' nella salsa!
Ho preparato gli gnocchi unendo la ricotta, l'uovo, la farina, il pizzico di sale e la noce moscata, per ultimi ho aggiunto parte degli spinaci che ho tritato prima con il mixer fino ad ottenere una crema molto fine. Essendo un avanzo erano già insaporiti avendoli fatti saltare con un filo d'olio d'oliva, uno spicchio d'aglio, sale e pepe. Ho lavorato l'impasto fino ad ottenere un composto omogeneo e non troppo appiccicoso. Ho formato dei rotolini più o meno di un dito e ho tagliato gli gnocchi. Mentre aspettavo che l'acqua per cuocerli bollisse, in una teglia antiaderente ho scaldato un filo d'olio, ho aggiunto metà confezione della panna liquida, un pizzico di sale, del pepe ed il rimanente degli spinaci tritati, ho fatto insaporire il tutto e poi ho spento perché non si rapprendesse troppo.
Ho cotto gli gnocchi, via via che salivano a galla li ho trasferiti nella teglia con la salsa, quando gli ho scolati tutti ho fatto saltare per qualche minuto per amalgamarli bene con la salsa.

Avevo già provato a fare gli gnocchi di ricotta, ma le altre volte erano venuti un po' insipidi, forse perché abituata a quelli di patata che anche crudi hanno un sapore più deciso. Aggiungendo gli spinaci invece mi sono piaciuti molto, rimangono più delicati di quelli di patata, ma decisamente buoni e sicuramente moooolto più veloci da fare :).

 
Schegge di me... - by Templates para novo blogger